Menu Chiudi

SE CI SEI DAMMI UN SEGNO!

Luca 11,29-32 .

In quel tempo, mentre le folle si accalcavano, Gesù cominciò a dire: 
«Questa generazione è una generazione malvagia; essa cerca un segno, ma non le sarà dato alcun segno, se non il segno di Giona. Poiché, come Giona fu un segno per quelli di Nìnive, così anche il Figlio dell’uomo lo sarà per questa generazione. 
Nel giorno del giudizio, la regina del Sud si alzerà contro gli uomini di questa generazione e li condannerà, perché ella venne dagli estremi confini della terra per ascoltare la sapienza di Salomone. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Salomone.
Nel giorno del  giudizio, gli abitanti di Nìnive si alzeranno contro questa generazione e la condanneranno, perché essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona».


Una generazione che cerca segni: non è cambiato molto, da allora. E’ come se fossimo annoiati del quotidiano, come se avessimo sempre bisogno di manifestazioni straordinarie, di miracoli strepitosi.
Eppure il miracolo può essere ambiguo: possiamo credere al miracolo senza riconoscere chi lo compie. Mentre il miracolo “serve” solo se conduce a Dio, se spalanca il nostro cuore.
Facciamo perciò attenzione a non correre dietro ai presunti miracoli, ma a riconoscere i tanti segni della presenza del Signore, cominciando già da questa giornata.
Che non ci accada di abituarci a Dio, di essere inghiottiti dalla quotidianità.
Certamente, se restiamo desti e col cuore spalancato, il Signore oggi ci raggiungerà: sarà magari una telefonata, una scena osservata per strada, un raggio di sole che ci raggiunge in casa, il ritmo dei nostri passi e il battere del nostro cuore, o questa Parola che stiamo leggendo… Oggi ci è chiesto lo stupore che ha convertito gli abitanti di Ninive alla predicazione di Giona. Ci è chiesta la curiosità e la meraviglia della regina di Saba di fronte al re d’Israele.
Allora la presenza del Signore Gesù stesso ci accompagnerà in tutta questa giornata.

Concedimi, Signore, una fede che non si alimenti di “segni miracolosi” ma sia fondata unicamente in Te, Parola di vita.

Buona giornata!