Menu Chiudi

Supplica a Maria Vergine delle Grazie

Ecco il messaggio del Vescovo alla Chiesa mantovana

Carissimi  
            i cristiani sanno adattarsi ai tempi e alle circostanze, non perché si acquietano ma perché con l’inventiva dello Spirito e la fantasia della carità trovano modi per annunciare la presenza di Gesù, risorto e vivente, e creare vicinanza. 
            Aiutiamo le tante persone chiuse nelle case in quarantena, i nostri anziani più indifesi, i genitori impegnati a custodire i loro figli, soprattutto il personale sanitario perché tutti si sentano accompagnati dalla Chiesa e raggiunti nel loro bisogno spirituale di rassicurazione e protezione.  
      Le Chiese particolari si stanno affidando all’intercessione materna di Maria venerata con titoli peculiari nei Santuari delle singole diocesi.      
          Invito tutte le comunità ad un gesto di preghiera comune per chiedere l’intercessione a Maria vergine delle Grazie, tanto amata dal nostro popolo mantovano. La sera alle ore 19.00 suoniamo le campane per qualche minuto e invitiamo i fedeli a unirsi nella supplica a Maria nelle loro case, seguendo la preghiera che trovate qui di seguito ( in allegato). Il suono delle campane è un segno familiare alla generazione adulta e anziana, meno “social” rispetto alla generazione più giovane, e sarà gradito a chi ricorda i tempi calamitosi nelle campagne scanditi dai rintocchi delle campane. Il loro suono è pubblico, è un segno che associa credenti e non credenti. Il loro suono supera le distanze e ci fa percepire che siamo tutti contemporanei a questa vicenda del coronavirus nella lotta e nella speranza. Il loro suono è già la preghiera della materia cosmica che attraversa gli spazi e arriva al Cielo.

     Siate forti nel Signore, “sapendo che la vostra fede, messa alla prova, produce pazienza. E la pazienza completi l’opera sua in voi” (Gc 1,3-4)

Vi benedico 
vescovo Marco

Santa Maria vergine delle Grazie,
tu conosci i cuori dei tuoi figli che sono nella prova.
Attraverso di Te noi abbiamo ricevuto Gesù, il dono per eccellenza,
e in Lui nessun dono più ci manca.
Guarda al nostro bisogno e vieni in nostro aiuto.
Chi è malato trovi rifugio in te,
chi ha paura trovi riposo in te,
chi è solo trovi in te consolazione.
Assicura la forza ai medici e agli infermieri,
accresci la pazienza necessaria a chi è in casa,
affina la nostra sensibilità verso chi ci è vicino,
alimenta la sapienza di chi governa il nostro popolo.
Gesù ti ha donato a noi come madre.
Continua la tua missione materna nella Chiesa
e ottieni per il popolo mantovano protezione, salute,
riconciliazione e pace.
Fa che il tempo della sofferenza si trasformi in tempo di grazia,
che le difficoltà ci aprano al Signore, che superata la prova
ci troviamo più uniti, fortificati nella fede, cresciuti in umanità.
Sant’Anselmo, tu che hai amato la nostra città,
intercedi per noi perché sappiamo generare
un futuro di giustizia e di fraternità.
San Luigi, la santità è cresciuta velocemente in te,
fa che i nostri bambini, i ragazzi e i
giovani trovino un ritmo per crescere in età, sapienza e grazia.
San Pio X, sei stato un pastore attento e generoso,
fa che le guide della chiesa e del popolo
si spendano senza riserve nel servizio dei fratelli.