Menu Chiudi

IL CORAGGIO, UNO MICA SE LO PUO’ DARE!

Matteo 14,22-33 .

[Dopo che la folla ebbe mangiato], subito Gesù costrinse i discepoli a salire sulla barca e a precederlo sull’altra riva, finché non avesse congedato la folla. Congedata la folla, salì sul monte, in disparte, a pregare. Venuta la sera, egli se ne stava lassù, da solo. La barca intanto distava già molte miglia da terra ed era agitata dalle onde: il vento infatti era contrario. Sul finire della notte egli andò verso di loro camminando sul mare. Vedendolo camminare sul mare, i discepoli furono sconvolti e dissero: «È un fantasma!» e gridarono dalla paura. Ma subito Gesù parlò loro dicendo: «Coraggio, sono io, non abbiate paura!». Pietro allora gli rispose: «Signore, se sei tu, comandami di venire verso di te sulle acque». Ed egli disse: «Vieni!». Pietro scese dalla barca, si mise a camminare sulle acque e andò verso Gesù. Ma, vedendo che il vento era forte, s’impaurì e, cominciando ad affondare, gridò: «Signore, salvami!». E subito Gesù tese la mano, lo afferrò e gli disse: «Uomo di poca fede, perché hai dubitato?». Appena saliti sulla barca, il vento cessò. Quelli che erano sulla barca si prostrarono davanti a lui, dicendo: «Davvero tu sei Figlio di Dio!».


Quante volte la nostra vita somiglia a quella barca agitata a causa del vento contrario! La “barca in difficoltà” può essere il proprio matrimonio, gli affari, la salute… Il “vento contrario” può essere l’ostilità e l’incomprensione delle persone, rovesci continui di fortuna, la difficoltà di trovare un lavoro o la casa.
Forse, all’inizio, abbiamo affrontato con coraggio le difficoltà, decisi a non smarrire la fede, a confidare in Dio. Per un po’ abbiamo anche noi camminato sulle acque, cioè fidando unicamente sull’aiuto di Dio. Ma poi, vedendo la prova sempre più lunga e più dura, c’è stato un momento in cui ci è sembrato di non farcela più, di affondare. Abbiamo perso il coraggio.
Questo è il momento di raccogliere e sentire come rivolta personalmente a noi, la parola che Gesù rivolse in quella circostanza agli apostoli: “Coraggio, sono io, non abbiate paura”.
È nota la frase con cui don Abbondio, nei Promessi Sposi, giustifica le proprie paure e vigliaccherie: “Il coraggio, chi non ce l’ha non se lo può dare”. È proprio questa convinzione che dobbiamo sfatare. Il coraggio, chi non ce l’ha, se lo può dare! Come? Con la fede in Dio, con la preghiera, facendo leva sulla promessa di Cristo.
E a chi dice che questo coraggio, basato sulla fede in Dio e sulla preghiera, è un atteggiamento di passiva rassegnazione in attesa che faccia tutto Dio, forse gli sfugge il fatto che Gesù ha lasciato che gli apostoli remassero contro vento per tutta la notte e usassero tutte le loro risorse prima di intervenire Lui.

“Signore, salvami! Tu sei davvero il Figlio di Dio!”

Santa Domenica!