Indicazioni per le celebrazioni festive durante la fase 2

Domenica 24 maggio, anche per la nostra Unità pastorale di Curtatone vivrà l’inizio della propria #fase2. Da domenica ricominceremo a celebrare insieme, ma le parole d’ordine saranno sicurezza e prudenza. Per questo abbiamo deciso di programmare un percorso di riavvicinamento alla celebrazione comunitaria. Cominceremo con numeri ristretti per poi allargarci all’intero popolo nelle prossime celebrazioni. In questo modo, anche grazie alla presenza di volontari di servizio d’ordine, saremo in grado di rispettare con cura tutte le normative governative.

Alla celebrazione di Domenica 24 maggio avremo a disposizione 194 posti per i fedeli distanziati a norma di legge durante la celebrazione e nei momenti subito prima e dopo.
La limitazione delle sedute per i fedeli non vuole essere una limitazione alla partecipazione alla celebrazione eucaristica, ma un’attenzione in quanto crediamo nell’importanza degli sforzi fatti da tutte le famiglie di Curtatone in questi mesi di costrizioni. Tutte le disposizioni sono state assunte per poter vivere la celebrazione in piena sicurezza e non dare alcuna occasione a possibili forme di contagio.
Ad ogni celebrazione potranno partecipare 194 fedeli. Per queste prime domeniche si terrà una sola celebrazione al Boschetto alle 10.30, l’obiettivo nelle prossime settimane sarà di incrementare il numero di momenti celebrativi. Nuove modalità e possibili evoluzioni sono tutt’ora sotto studio del nostro team istituito per la formulazione del presente protocollo.

Per queste prime domeniche sarà comunque possibile seguire la diretta streaming della celebrazione sul nostro canale youtube @UnitàPastoraleCurtatone. Invitiamo, pertanto, le persone anziane o le famiglie con bambini troppo piccoli a vivere la messa domenicale dalle proprie case ancora per qualche settimana.

E’ fatto divieto l’ ingresso per chi presenta sintomi influenzali/respiratori, temperatura corporea uguale o superiore ai 37,5° C o è stato in contatto, senza adeguati presidi, con persone positive a SARS-CoV-2 nei quindici giorni precedenti alla celebrazione. E’ fatto d’obbligo il rispetto nell’accedere alla tensostruttura il mantenimento della distanza di sicurezza e l’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale quali guanti e mascherina.
I bambini sotto i 6 anni sono esentati da tale obbligo, l’utilizzo di adeguati dispositivi anti-contagio rimane consigliato.

All’ingresso verrà consegnato un gettone il cui colore indica il settore dove il fedele è tenuto a sedere e rimanere per tutta la durata della celebrazione. I bambini che non hanno ancora compiuto il 6° anno di età dovranno rimanere con un proprio genitore per tutta la durata della celebrazione. Non avranno una propria sedia sotto la struttura, ma siederanno con il proprio accompagnatore.
I diversamente abili potranno accedere con il proprio accompagnatore utilizzando il settore ROSSO per la partecipazione alla celebrazione. Ugualmente si dovranno comportare i genitori con bambini (under 6) o passeggini a seguito. Una volta entrati attraverso il cancello i fedeli seguiranno i percorsi indicati per raggiungere il proprio settore senza creare assembramenti seguendo le indicazioni del servizio d’ordine.
Dal momento dell’ingresso all’interno del perimetro occorrerà rimanere distanziati almeno un metro e mezzo gli uni dagli altri, evitando qualsiasi assembramento.
Ci saranno volontari che faranno servizio di accoglienza e avranno il compito di controllare l’assenza di qualsiasi assembramento davanti al cancello e appena dentro all’ingresso.

L’accesso alla tensostruttura sarà coordinato dai volontari del servizio d’ordine. Così come per l’accesso, anche il deflusso al termine della celebrazione sarà organizzato. Il deflusso dei fedeli sarà coordinato dal celebrante e scaglionato seguendo le file e i settori a cui sono assegnati i fedeli.

Durante la celebrazione i bambini che non hanno ancora compiuto il 6° anno di età dovranno rimanere con il proprio accompagnatore.
Non è permesso ai fedeli di muoversi dal posto assegnato loro dal servizio d’ordine. Non ci si muove dal proprio posto, nemmeno per la S. Comunione, passerà il sacerdote o il ministro straordinario della Comunione sedia per sedia.
La Comunione si prende solo in mano e sarà consegnata dal sacerdote (o un ministro straordinario della Comunione) che passerà sedia per sedia.
Il fedele non dovrà rispondere AMEN.
Non è consentito scambiarsi il segno della pace con la mano, ma si può fare un inchino l’uno verso l’altro. Non ci saranno libretti o altri sussidi, per evitare eventuale trasmissione di contagio. Non saranno raccolte le offerte durante la Messa. I fedeli troveranno all’ingresso o all’uscita appositi contenitori per poter lasciare un’offerta a sostegno della nostra Unità
Pastorale. Durante la celebrazione, nei momenti prima e dopo, non sarà possibile accedere ai servizi igienici.

Regolamentazione dettagliata

Norme di Accesso

  1. I cancelli saranno aperti per l’accesso dei fedeli da 30 min. prima dell’inizio della celebrazione.
  2. All’ingresso verrà consegnato un gettone il cui colore indica il settore dove il fedele è tenuto a sedere e rimanere per tutta la durata della celebrazione.
  3. I bambini che non hanno ancora compiuto il 6° anno di età dovranno rimanere con un proprio genitore per tutta la durata della celebrazione. Non avranno una propria sedia sotto la struttura, ma siederanno con il proprio accompagnatore.
  4. All’ingresso sarà necessario mantenere le distanze dagli altri fedeli (anche se componenti del proprio nucleo familiare).
  5. Dal momento dell’ingresso all’interno del perimetro occorrerà rimanere distanziati almeno un metro e mezzo gli uni dagli altri, evitando qualsiasi assembramento. Ci saranno volontari che faranno servizio di accoglienza e avranno il compito di controllare l’assenza di qualsiasi assembramento davanti al cancello e appena dentro all’ingresso.
  6. È obbligatorio l’utilizzo di idonei dispositivi di protezione personale: guanti monouso e mascherina. I bambini accompagnati sotto i 6 anni sono dispensati dall’obbligo della mascherina. L’utilizzo di guanti monouso rimane obbligatorio, mentre la mascherina è
    consigliata.
  7. I diversamente abili potranno accedere con il proprio accompagnatore utilizzando il settore ROSSO per la partecipazione alla celebrazione. Ugualmente si dovranno comportare i genitori con bambini (under 6) o passeggini a seguito. Una volta entrati attraverso il cancello i fedeli seguiranno i percorsi indicati per raggiungere il proprio settore senza creare assembramenti seguendo le indicazioni del servizio d’ordine.
  8. Ad ogni celebrazione saranno disponibili 194 posti a sedere così divisi: 3 lettori, 8 diversamente abili, 183 sedute autonome. Quando i posti sono esauriti, si chiude ogni possibilità di accesso alla celebrazione.
  9. Il deflusso dei fedeli sarà coordinato dal celebrante e scaglionato seguendo le file e i settori a cui sono assegnati i fedeli.
  10. Si ricorda la dispensa dal precetto festivo per i malati o a motivo della condizione di gravità dell’età.
  11. Il non rispetto delle norme indicate comporta l’allontanamento del fedele dal perimetro.

Norme igienico-sanitarie

  1. Il numero massimo dei partecipanti consentito in conseguenza della capienza dell’edificio è 194.
  2. E’ fatto divieto l’ ingresso per chi presenta sintomi influenzali/respiratori, temperatura corporea uguale o superiore ai 37,5° C o è stato in contatto, senza adeguati presidi, con persone positive a SARS-CoV-2 nei quindici giorni precedenti alla celebrazione.
  3. E’ fatto d’obbligo il rispetto nell’accedere alla tensostruttura il mantenimento della distanza di sicurezza (1,5 metri).
  4. E’ fatto d’obbligo il rispetto nello stazionamento all’interno del perimetro della tensostruttura il mantenimento della distanza di sicurezza (1 metro).
  5. È obbligatorio l’utilizzo di idonei dispositivi di protezione personale: guanti monouso e mascherina. I bambini accompagnati (coloro che non ancora compiuto il 6° anno di età) sono dispensati dall’obbligo della mascherina. L’utilizzo di guanti monouso rimane
    obbligatorio, mentre la mascherina è consigliata.

Norme celebrative

  1. Ad ogni fedele è assegnato una sedia.
  2. I bambini che non hanno ancora compiuto il 6° anno di età non avranno una propria sedia personale, ma rimarranno con il proprio accompagnatore.
  3. Non è permesso ai fedeli di muoversi dal posto assegnato loro dal servizio d’ordine. Non ci si muove dal proprio posto, nemmeno per la S. Comunione, passerà il sacerdote o il ministro straordinario della Comunione sedia per sedia.
  4. La Comunione si prende solo in mano e sarà consegnata dal sacerdote (o un ministro straordinario della Comunione) che passerà sedia per sedia.
    Il fedele non dovrà rispondere AMEN.
  5. Non è consentito scambiarsi il segno della pace con la mano, ma si può fare un inchino l’uno verso l’altro.
  6. Non ci saranno libretti o altri sussidi, per evitare eventuale trasmissione di contagio. Non saranno raccolte le offerte durante la Messa. I fedeli troveranno all’ingresso o all’uscita appositi contenitori per poter lasciare un’offerta a sostegno della nostra Unità Pastorale.
  7. Durante la celebrazione, nei momenti prima e dopo, non sarà possibile accedere ai servizi igienici.

Protocollo UPC di sicurezza per le celebrazioni in #fase2

Via Lucis del 30 Maggio 2020

Dalla Chiesa Parrocchiale di San Silvestro l’ultima Via Lucis tenuta da don Stefano e don Cristian. Ogni settimana i nostri sacerdoti ci accompagnato in questo periodo di festa di cinquanta giorni, fino alla Pentecoste, con una Via Lucis.

Letture Santa Messa di domenica 24 maggio 2020

Prima Lettura

Dagli Atti degli Apostoli
At 1,1-11

Nel primo racconto, o Teòfilo, ho trattato di tutto quello che Gesù fece e insegnò dagli inizi fino al giorno in cui fu assunto in cielo, dopo aver dato disposizioni agli apostoli che si era scelti per mezzo dello Spirito Santo. Egli si mostrò a essi vivo, dopo la sua passione, con molte prove, durante quaranta giorni, apparendo loro e parlando delle cose riguardanti il regno di Dio. Mentre si trovava a tavola con essi, ordinò loro di non allontanarsi da Gerusalemme, ma di attendere l’adempimento della promessa del Padre, «quella – disse – che voi avete udito da me: Giovanni battezzò con acqua, voi invece, tra non molti giorni, sarete battezzati in Spirito Santo». Quelli dunque che erano con lui gli domandavano: «Signore, è questo il tempo nel quale ricostituirai il regno per Israele?». Ma egli rispose: «Non spetta a voi conoscere tempi o momenti che il Padre ha riservato al suo potere, ma riceverete la forza dallo Spirito Santo che scenderà su di voi, e di me sarete testimoni a Gerusalemme, in tutta la Giudea e la Samarìa e fino ai confini della terra». Detto questo, mentre lo guardavano, fu elevato in alto e una nube lo sottrasse ai loro occhi. Essi stavano fissando il cielo mentre egli se ne andava, quand’ecco due uomini in bianche vesti si presentarono a loro e dissero: «Uomini di Galilea, perché state a guardare il cielo? Questo Gesù, che di mezzo a voi è stato assunto in cielo, verrà allo stesso modo in cui l’avete visto andare in cielo».

Parola di Dio

Salmo Responsoriale
Dal Sal 46 (47)

R. Ascende il Signore tra canti di gioia.

Popoli tutti, battete le mani!
Acclamate Dio con grida di gioia,
perché terribile è il Signore, l’Altissimo,
grande re su tutta la terra. R.

Ascende Dio tra le acclamazioni,
il Signore al suono di tromba.
Cantate inni a Dio, cantate inni,
cantate inni al nostro re, cantate inni. R.

Perché Dio è re di tutta la terra,
cantate inni con arte.
Dio regna sulle genti,
Dio siede sul suo trono santo. R.

Seconda Lettura

Fratelli, il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui; illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comprendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santi e qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi, che crediamo, secondo l’efficacia della sua forza e del suo vigore. Egli la manifestò in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra nei cieli, al di sopra di ogni Principato e Potenza, al di sopra di ogni Forza e Dominazione e di ogni nome che viene nominato non solo nel tempo presente ma anche in quello futuro. Tutto infatti egli ha messo sotto i suoi piedi e lo ha dato alla Chiesa come capo su tutte le cose: essa è il corpo di lui, la pienezza di colui che è il perfetto compimento di tutte le cose.

Parola di Dio

Acclamazione al Vangelo

Alleluia, alleluia.

Andate e fate discepoli tutti i popoli, dice il Signore.
Ecco, io sono con voi tutti i giorni,
fino alla fine del mondo. (Mt 28,19a.20b)

Alleluia.

Vangelo

Dal Vangelo secondo Matteo
Mt 28,16-20

In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte che Gesù aveva loro indicato. Quando lo videro, si prostrarono. Essi però dubitarono. Gesù si avvicinò e disse loro: «A me è stato dato ogni potere in cielo e sulla terra. Andate dunque e fate discepoli tutti i popoli, battezzandoli nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo, insegnando loro a osservare tutto ciò che vi ho comandato. Ed ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo».

Parola di Dio