Menu Chiudi

UN NUOVO INIZIO

Marco 1,1-8 .

Inizio del vangelo di Gesù, Cristo, Figlio di Dio.
Come sta scritto nel profeta Isaìa: «Ecco, dinanzi a te io mando il mio messaggero: egli preparerà la tua via. Voce di uno che grida nel deserto: Preparate la via del Signore, raddrizzate i suoi sentieri», vi fu Giovanni, che battezzava nel deserto e proclamava un battesimo di conversione per il perdono dei peccati. Accorrevano a lui tutta la regione della Giudea e tutti gli abitanti di Gerusalemme. E si facevano battezzare da lui nel fiume Giordano, confessando i loro peccati.
Giovanni era vestito di peli di cammello, con una cintura di pelle attorno ai fianchi, e mangiava cavallette e miele selvatico. E proclamava: «Viene dopo di me colui che è più forte di me: io non sono degno di chinarmi per slegare i lacci dei suoi sandali. Io vi ho battezzato con acqua, ma egli vi battezzerà in Spirito Santo».


Chi apre il Vangelo di Marco, si sente attraversato da una parola di consolazione: “Inizio della buona notizia…”.
Inizio è una parola potente. La troviamo nascosta in ogni cosa perché tutto ha avuto sempre un inizio. Non dovremmo mai dimenticare che il nostro è un Dio degli inizi. Uno che non si stanca mai di cominciare e ricominciare, ogni volta, una nuova storia d’amore con noi.
Giovanni Battista ha il coraggio di iniziare, di gridare ciò in cui crede, di annunciare tempi migliori. E il suo esempio e l’invito vale anche per noi oggi. Non dobbiamo aver paura di iniziare. Si può ricominciare, sempre, ma per farlo occorre andare punto e a capo. Non si comincia un nuovo periodo continuando a scrivere sulla stessa riga!
Se la vita ci ha bloccato il cuore, ricominciamo a sperare. Diamoci una nuova possibilità! Riprendiamo da dove ci eravamo fermati oppure cominciamo tutto daccapo, se crediamo che questo sia la cosa giusta.
L’Avvento, allora, è tempo propizio dove ritrovare la voglia di ricominciare. Non a caso ci prepariamo ad accogliere un bambino in una mangiatoia, perché niente come un neonato rappresenta l’inizio.

“Vieni a salvarmi, o Dio, vieni presto, Signore…” (Sal. 69)

Buona Domenica di Avvento!