Menu Chiudi

CHIEDERE

Giovanni 14,6-14 .

In quel tempo, disse Gesù a Tommaso: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me. Se avete conosciuto me, conoscerete anche il Padre mio: fin da ora lo conoscete e lo avete veduto». Gli disse Filippo: «Signore, mostraci il Padre e ci basta». Gli rispose Gesù: «Da tanto tempo sono con voi e tu non mi hai conosciuto, Filippo? Chi ha visto me, ha visto il Padre. Come puoi tu dire: Mostraci il Padre? Non credi che io sono nel Padre e il Padre è in me? Le parole che io vi dico, non le dico da me stesso; ma il Padre, che rimane in me, compie le sue opere. Credete a me: io sono nel Padre e il Padre è in me. Se non altro, credetelo per le opere stesse. In verità, in verità io vi dico: chi crede in me, anch’egli compirà le opere che io compio e ne compirà di più grandi di queste, perché io vado al Padre. E qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò, perché il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualche cosa nel mio nome, io la farò».


Come biasimare il povero Filippo? Il suo desiderio è anche il nostro: poter vedere Dio Padre con i nostri occhi, per riempirci del suo sguardo e poi continuare la vita più convinti di prima.
Ma Gesù, prima ci spiazza affermando che il volto del Padre è il Suo stesso volto, e che la Sua natura umana “visibilizza” l’invisibile, poi ci stupisce con un rilancio impegnativo: qualunque cosa chiederete nel mio nome, la farò…
Troppo bello per essere vero! Talmente bello che noi non ci crediamo. Come se Gesù avesse pronunciato queste parole così, tanto per dire. 
Ma ci abbiamo mai provato? Abbiamo mai chiesto qualcosa nel nome di Gesù? Sicuramente ci sarà capitato di chiedere qualcosa a nome nostro. E non sempre siamo stati esauditi. E siamo rimasti delusi. Ma cosa vuol dire chiedere nel nome di Gesù? Innanzitutto significa desiderare quello che Lui desidera, ovvero che il Padre venga glorificato. Cioè che si manifesti l’essenza stessa di Dio che è l’Amore.
Chiedere qualunque cosa nel nome di Gesù significa allora chiedere di poter amare sempre, in ogni occasione, in ogni situazione, ogni persona. Non è facile, non ci viene spontaneo, per questo è necessario chiederla continuamente come grazia.
Solo così, come ci promette Gesù stesso, saremo resi capaci, per grazia di Dio, di compiere addirittura opere più grandi di quelle del Maestro.

Mostrami il tuo volto, Signore!

Buon inizio di settimana!